La verità sull’ applicazione della pasta termica

Se sei tra quelli che si appresta a cambiare la pasta termica per la prima volta , al fine di ridurre le temperature della cpu, oggi ti svelo un piccolo segreto: non esiste un modo preciso, univoco,per applicare correttamente la pasta termica. 

img_7120

 

 

La verità sull’applicazione della pasta termica

Sicuramente se ti accingi ad applicare la pasta termica sul tuo processore, avrai già sentito parlare del metodo della goccia o della P, conosciuto in inglese come dot, o del metodo della X o ancora del metodo di applicazione disegnando una riga, una strisciolina in mezzo.

La verità è che questi metodi e altri ancora sono indifferenti, basta guardare questo video su youtube che spiega , in inglese , chiaramente come stanno le cose.

*Via Linus Tech Tips

 

termal2

La verità è che non importa che tipo di disegno applichi, X,linea,goccia, la temperatura sarà sempre la stessa: ciò che conta è il tipo di pasta termica utilizzata e in secondo luogo evitare di metterne troppa poca; questo perché non coprendo l’intera area della cpu il calore non viene  adeguatamente trasferito.  Segui questa semplice regola per l’applicazione della pasta:

 La regola d’oro in due step: A

Esiste però una regola, cioè un modo di operare che ti permette di capire se stai applicando la pasta correttamente o meno. Prima di tutto scegli il metodo con il quale ti senti più sicuro nel “dosare” la pasta termica: il metodo della goccia, della X e della striscia sono quasi sempre menzionati come i migliori semplicemente perché sono i modi più semplici per applicare la pasta termo-conduttiva.

Applicazione pasta termina, metodo a goccia  metodo-xapplicazione pasta termina metodo a linea

 

Secondo step: B

 

Dopo aver scelto il tuo metodo preferito fai delle prove usando il tuo dissipatore stock come uno stampino per calibrare il dosaggio! 

Esempio: vuoi usare il metodo della goccia?

  •  Disegna una goccia applicando una pasta come la MX-4sul processore
  •  Poggia il dissipatore stock sulla cpu e bloccalo con la sicura e le viti
  •  Aspetta un paio di minuti per dare tempo alla pasta di distribuirsi sulla superficie della cpu
  •  Rimuovi il dissipatore e guarda con attenzione se la pasta spalmata ricopre interamente la cpu: se l’area è più piccola vuol dire che serviva più di pasta, viceversa se l’area ricopriva oltre la cpu diminuisci la dose per evitare che sgoccioli sui circuiti vicini al processore.

*fonte Yaochoon

Questo video spiega bene il concetto di come si distribuisce la pasta termica. Ad ogni simulazione ricordatevi di pulire cpu e dissipatore con alcool isopropilico o simili.

img_7121

Dopo aver imparato  a dosarla la domanda che dovresti porti se già sicuramente non l’hai fatto è quale pasta termica usare! In commercio ce ne sono tante, buone e scadenti, io personalmente uso la MX-4 che rappresenta il giusto compromesso tra qualità e prezzo: disponibile in siringhe da 4g, 8g e 20g, è costituita da particelle di carbonio che consentono una elevata conduzione del calore.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi.